Ogni anno a la festa di Piedigrotta, l’ 8 di settembre, il popolo napolitano va nella grotta di Pozzuoli, e lì l’uno sfida l’altro a cantare improvviso, e la canzone giudicata più bella si ripete da tutti: è la canzone dell’anno. Ce ne sono delle belle; questa fu tra le bellissime, ed io non posso dimenticarla. Tre cose belle furono in quell’anno: le ferrovie, l’illuminazione a gas e Te voglio bene assaje”.

(da Ricordanze di Luigi Settembrini)

Era il 1839: nasce la prima linea ferroviaria italiana, la Napoli – Portici, e a Piedigrotta vince la gara canora una canzone su testo di Raffaele Sacco, di mestiere “occhialaro” ossia mercante di occhiali, poeta estemporaneo, improvvisatore di versi.

Quanto all’autore della musica si è ipotizzato il nome di Gaetano Donizetti, che era a Napoli qualche anno prima (1835) per presentare il suo capolavoro Lucia di Lammermoor, ma nel 1839 si trovava già a Parigi. Più credibile è il nome di Filippo Campanella.

Te voglio bene assaje segna il passaggio dalla canzone popolare alla canzone d’autore, riscuotendo un enorme successo popolare provato dalle 180.000 “copielle” vendute ( fogli volanti con testo o musica, diffusi nella Napoli del tempo per permettere a tutti di cantare e suonare le canzoni più conosciute).

tevoglio
Vi propongo l’ascolto della versione di Roberto Murolo con Mia Martini e, a seguire, la lettura di questa bellissima melodia intavolata per ukulele nella tonalità di Fa maggiore (invece che Mi maggiore come in molte versioni chitarristiche):

Te voglio bene assaje - melodia
Per coloro che volessero cantarla riporto il testo:

Pecche’ quanno me vide

te ‘ngrife comm’ ‘o gatto?

Nenne’ che t’aggio fatto

ca no mme puo’ vede’?

Io t’ ‘aggio amato tanto

si t’amo tu lo saie.

I’ te voglio bene assaie

e tu nun pienze a me.

I’ te voglio bene assaie

e tu nun pienze a me.

 

La notte tutte dormeno,

ma io, che buo’ durmìre!

Penzanno a Nenna mia

mme’ sent’ascevulì.

Li quarte d’ora sonano

a uno, a ddoje, a tre.

I’ te voglio bene assaie

e tu nun pienze a me.

I’ te voglio bene assaie

e tu nun pienze a me.

 

Guardame nfaccia e bide

comme me so’ arredutto.

Sicco, peliento e brutto

nennella mia, pe tte.

Cusuto a filo duppio

cu te me vedarraje.

I’ te voglio bene assaie

e tu nun pienze a me.

I’ te voglio bene assaie

e tu nun pienze a me.

La scelta della tonalità di Fa, invece di quella di Mi più diffusa, è dovuta alla maggiore facilità sull’ukulele, provate la sequenza armonica così come annotata, con due semplici pattern ritmici:

 Te voglio bene assaje - ritmo armonico

Tag:, , ,